Notificazione di presenza sui
Colli Euganei



Se la fede, la calma d'uno sguardo
come un nimbo, se spazi di serene
ore domando, mentre qui m'attardo
sul crinale che i passi miei sostiene,

se deprecando vado le catene
e il sortilegio annoso e il filtro e il dardo
onde per entro le più occulte vene
in opposti tormenti agghiaccio et ardo,

i vostri intimi fuochi e l'acque folli
di fervori e di geli avviso, o colli
in si gran parte specchi a me conformi.

Ah, domata qual voi l'agra natura,
pari alla vostra il ciel mi dia ventura
e in armonie pur io possa compormi.

(Andrea Zanzotto)



È tra le rotondeggianti cime dei Colli Euganei che maturano le nostre uve e nasce il nostro vino. Un vino raffinato, elegante e autentico, esattamente come il nostro territorio. Un territorio permeato di bellezza e custode di un patrimonio naturalistico, storico e artistico di grande spessore.



Il paesaggio e le sue suggestioni

Il paesaggio dei nostri colli è incantevole e suggestivo, e fu di grande ispirazione a tanti poeti, scrittori e artisti. Da Petrarca a Foscolo, da Buzzati a Fogazzaro, da Shelley al contemporaneo Andrea Zanzotto, tutti raccontano la bellezza e l’intensità di questi luoghi.

“Isole senza mar” definì Shelley queste giocose colline dalle linee arrotondate che si rincorrono in un saliscendi continuo tra rilievi, dolci clivi, avvallamenti e ripidi versanti. Mozzafiato gli scorci e i panorami che regalano ai nostri occhi, intense le emozioni che suscitano nel cuore e nell’anima.

”Fuggo la città come ergastolo e scelgo di abitare in un solitario piccolo villaggio, in una graziosa casetta, circondata da un uliveto e da una vigna, dove trascorro i giorni pienamente tranquillo, lontano dai tumulti, dai rumori, dalle faccende, leggendo continuamente e scrivendo” (Francesco Petrarca)

Morfologia, microclimi e terreno

La particolare morfologia dei nostri colli diversifica il microclima di tutta l’area e, di conseguenza, influenza sia la scelta delle vigne da coltivare sia la tipologia di flora presente tra le nostre cime. E così, i pendii a sud, ben soleggiati, sono ricchi di specie mediterranee, quali il leccio, la ginestra, l’erica arborea e i boschi di querce. Mentre quelli a nord, più in ombra, ospitano specie che amano il clima montano, come il bosco di castagno. Il terreno, di origine vulcanica, è ricchissimo di sali minerali.

A tratti è argilloso, a tratti, invece, è ricco di trachite e di altre rocce magmatiche. A seconda dell’esposizione di ogni versante, offre ai nostri vigneti i nutrimenti migliori per ottenere uve speciali, selezionate e di altissima qualità.

La memoria storica del nostro territorio

“Il bel paese ch'Appennin parte e 'l mar circonda e l'Alpe.” (Francesco Petrarca)

Abbazie, monasteri, ville, giardini, castelli, borghi medievali, siti archeologici, santuari, edifici rustici e insediamenti rurali punteggiano il Parco Regionale dei Colli Euganei e sono testimonianza viva e tangibile di un passato ricco di storia, del quale custodiscono la memoria.

Splendidi da visitare Arquà Petrarca, il museo di Cava Bomba, l’itinerario geologico con visita alla ex cava di diorite e al “Buso dei Briganti”, Villa dei Vescovi, Villa Contarini…(aggiungere e linkare altre mete che si vogliono condividere)

Il Parco Regionale dei Colli Euganei, comodamente raggiungibile in autostrada, è meta ideale per concedersi anche lunghe pause relax presso i rinomati centri termali o per dedicarsi piacevoli giornate all’aria aperta nei prestigiosi Golf Club della zona.

Corte Marsilio | All rights reserved © copyright 2017